Disegno a matita

Nelle ore di arte la classe 3C Operatore del Benessere – Estetista si é esercitata nella riproduzione di un occhio a matita seguendo step prestabiliti.

Questi sono gli ultimi lavori realizzati.

Annunci

Film “Una volta nella vita”

Il film “Una volta nella vita” parla di una classe di ragazzi e ragazze di etnie diverse che vengono aiutati dalla loro coordinatrice a lavorare in gruppo a capire e superare problemi e difficoltà. Il film ci comunica cosa vuol dire veramente lavorare in gruppo, ad esempio in una scena i ragazzi si dividono in gruppo, allo stesso tempo questi gruppi sono tutti dentro ad un gruppo nel quale tutti hanno un compito e tutti comunicano tra loro

Le emozioni che questo film trasmette sono molto varie perché ti immedesimi nel personaggio stesso quindi puoi passare da essere felice a triste oppure arrabbiato; a seconda del personaggio provi un’emozione dietro l’altra, è quel tipo di film che quando lo guardi passi dal ridere per le battute che fanno in classe al piangere per come cambiano i ragazzi.

Il tutto si conclude con il miglioramento di questi ragazzi, un tempo maleducati, impertinenti e con un andamento scolastico da far rabbrividire (tra note, insufficienze, sospensioni…..). Gli alunni si sono trasformati: sono rispettosi, hanno recuperato ogni materia, hanno vinto il concorso e probabilmente passeranno tutti l’esame.

GIORGIA GRAGLIA 1C

Recensione film “Una volta nella vita”

Il film parla di una scuola superiore francese frequentata da ragazzi di razze, religioni, culture diverse; ci sono ragazzi francesi cattolici, ma anche musulmani, ebrei. La classe è problematica, difficile, la peggior classe del liceo, i ragazzi sono agitati e senza regole. Viene organizzato un concorso sul tema della Seconda Guerra Mondiale; la professoressa di storia decide di far partecipare al progetto proprio questa classe. I ragazzi all’inizio non ne vogliono sapere, non sono interessati a questi fatti della storia, ma l’insegnante, grazie alle sue capacità, riesce a farsi rispettare, dare le motivazioni giuste per accettare la sfida e alla fine vincere il primo premio. Il lavoro di preparazione al concorso serve ai ragazzi per scoprire il passato grazie anche alla testimonianza di un sopravvissuto dei campi di concentramento,  ormai anziano,  ma che in quegli anni era un ragazzo adolescente come loro; capiscono che i ragazzi e gli adulti deportati non erano diversi da loro e scoprono che quella parte della storia, anche se dolorosa, è una ricchezza da non dimenticare.

Il personaggio che mi è piaciuto di più è stata la professoressa perché ha creduto nei suoi ragazzi, non li considerava dei perdenti come pensavano tutti gli altri professori; per questo ha dato ai ragazzi la forza e la speranza per riuscire a portare a termine il progetto. La classe ha fatto un lavoro insieme e si è trasformata in un gruppo unito, sono cambiati i rapporti tra i compagni. Penso che la collaborazione crea legami e aiuta le persone a conoscersi meglio.

Noemi Maffei – 1C

Cosmoprof 2017

Cosmoprof 2017: Bologna è di nuovo la capitale della bellezza.

La fiera Cosmoprof è il Salone Internazionale più importante della Profumeria e della Cosmesi Naturale. È l’evento internazionale più importante nel settore della bellezza e si trova in 3 città: LAS VEGAS, BOLOGNA E HONG KONG. Tanti gli espositori, tanti i visitatori, tanti i padiglioni e tante le meraviglie.

Siamo andate a Bologna, con la nostra classe e con la classe 4 A parrucchiera, il 20 marzo. Siamo arrivate verso le 9 e la gente era già eccitata per iniziare lo shopping al meglio. Entrando nel padiglione 36 ci si è aperto un mondo incantato: stand che riguardano la nail, la nail-art (decorazione sulle unghie), il trucco e parrucco, i massaggi, la detersione viso e l’allungamento delle ciglia. Abbiamo acquistato vari trucchi, gel,  semipermanenti , lampada raggi UV.

Bisogna assolutamente andare al Cosmoprof perché è un’esperienza unica. Si conoscono le tradizioni di tutte le culture e di tutto il mondo, ma soprattutto si conosce il vero mondo della cosmesi. Andare al Cosmoprof è stato molto interessante e molto utile per il nostro lavoro. È stato molto stancante e faticoso perché abbiamo camminato molto. È stato stupendo e ci piacerebbe tornare ancora.

Vanessa De Frenza e Jessica Elia

Nuova tecnica per manicure

La P-shine rende le unghie più sane, forti e idratate

Le unghie, che durante l’inverno sono state messe a dura prova, con l’arrivo della primavera si rimettono in forma. Un metodo efficace e provato nel tempo che aiuta le unghie nella loro rinascita è la manicure giapponese. Questa tecnica è ideale per chi ha le unghie che si sfaldano, che si spezzano e che non crescono in modo omogeneo. Non è composta né da smalti né da ingredienti chimici ma da c’era d’api che ammorbidisce e idratata unghie e mani. Questa manicure è molto efficace tanto che può durare fino a due settimane. Questa tecnica può essere effettuata sia in un salone estetico che a casa, acquistando il kit su internet contenente i vari strumenti. I prodotti utilizzati contengono diversi principi attivi, ad esempio lipidi, cera d’api, glicerina ed alcune vitamine come A, E, H e B5. Per eseguire correttamente la manicure basta seguire i passaggi per una normale manicure solo con qualche accortezza in più. Oltre ad essere utilizzata sulle mani può essere utilizzata anche sui piedi rendendoli più forti e sani.

Clara Avanzini e Denise Bellini